Teatro accessibile alle persone con disabilità sensoriali

Menu

 

Concerto Quartetto Campaner di venerdì 5 marzo 2021

Venerdì 5 marzo 2021 – ore 21:00

Concerto Quartetto Campaner

Gloria Campaner, pianoforte
Alessandro Carbonare, clarinetto
Fabiola Tedesco, violino
Ludovica Rana, violoncello

Coproduzione E.A.R. Teatro di Messina – Associazione musicale “V. Bellini”


Programma
F. J. Haydn: trio n.3 per clarinetto, violino e violoncello
R. Leoncavallo: serenata per violoncello e pianoforte
C. Saint- Saens – E. Ysaÿe: caprice per violino e pianoforte
B. Kovacs: ‘sholem’ per clarinetto e pf (klezmer)
M. Ravel: duo per violino e violoncello
G. Connesson: duo per clarinetto e violoncello
G. Gershwin: ballads da ‘Porgy and Bess’ per clarinetto, violino e pianoforte
A. Weissenberg: finale da ‘My fair lady’ per tutti e 4 gli strumenti insieme

 

Gloria Campaner
La pianista veneziana Gloria Campaner, con più di venti vittorie in concorsi nazionali ed internazionali, svolge attività concertistica nei principali Festival e Stagioni in ogni continente.
Gli impegni recenti, con orchestra e in recital, comprendono i tour in Europa, Cina, Giappone, Sud Africa, Armenia, Libano, USA, Israele, America Latina, India, Isola di Pasqua, e anche Myanmar, dove si è esibita in uno dei primi concerti pubblici dopo la fine del regime autoritario.
Appassionata camerista ha collaborato con Johannes Moser, Ivry Gitlis, Ana Chumachenco, Michael Kugel, Sergei Krylov, il Quartetto di Cremona, l’Azahar Ensemble, il Borusan Quartet, Tamsyn Waley-Cohen, Angela Hewitt, Igudesman & Joo solo per nominarne alcuni così come con i solisti di molte orchestre prestigiose (Berliner Philharmonic, Filarmonica della Scala, Orchestra Nazionale di  Santa Cecilia a Roma, Royal Concertgebouw Orchestra di Amsterdam, Seattle Symphony Orchestra e  Metropolitan Opera of New York).
Sempre attenta alla musica contemporanea è dedicataria di numerosi lavori eseguiti in prima assoluta di compositori quali Marton Illès, Marcello Abbado, Jorg Widmann, Vittorio Montalti, ‪Giovanni Sollima; amante della sperimentazione ha collaborato con jazzisti internazionali fra cui Leszek Mozdzer e Stefano Bollani.
Ha registrato per vari canali televisivi e radiofonici (es. RAI, CNN, Sky Classica, Sky Arte, RTSI-Svizzera).
Nel 2018 è uscito il nuovo cd dedicato a Schumann con l’Orchestra della Fenice ed il M° Axelrod (Warner, nomination ICMA 2020), dopo quello dedicato a Rachmaninov con l’Orchestra Sinfonica Nazionale-RAI e il M° Jurai Valcuha (Warner) e il cd solistico che comprende composizioni di Schumann e Rachmaninov (Emi).
Sempre attenta ai meno fortunati, è stata madrina di molte attività benefiche che sostiene attivamente.
Ideatrice dell’innovativo progetto See Sharp (workshop di creatività musicale per giovani musicisti) tiene corsi e masterclass in Italia ed all’estero.
Nel 2014 ha ricevuto una Fellowship dal prestigioso Borletti Buitoni Trust.
Dal 2018 è Direttore Artistico dell’Associazione Musicale “Bellini” (Messina) e nello stesso anno ha ottenuto la cattedra di pianoforte come ‘guest professor’ alla Nelson Mandela University di Port Elizabeth (Sudafrica).

Alessandro Carbonare
Primo clarinetto dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di S.Cecilia dal 2003, Alessandro Carbonare ha vissuto a Parigi, dove per 15 anni ha occupato il posto di primo clarinetto solista all’Orchestre National de France.
Sempre nel ruolo di primo clarinetto, ha avuto importanti collaborazioni anche con i Berliner Philarmoniker, la Chicago Symphony e la Filarmonica di New York.
Si é imposto nei piu’ importanti concorsi internazionali: Ginevra, Praga, Tolone, Monaco di Baviera e Parigi. Dal suo debutto con l’Orchestra della Suisse Romande di Ginevra, Alessandro Carbonare si é esibito come solista, tra le altre, con l’Orchestra Nazionale di Spagna, la Filarmonica di Oslo, l’Orchestra della Radio Bavarese di Monaco, l’Orchestre National de France, la Wien Sinfonietta, l’Orchestra della Radio di Berlino, la Tokyo Metropolitan Orchestra e con tutte le piu’ importanti orchestre italiane.
Ha registrato gran parte del repertorio per Harmonia Mundi e JVC Victor dando anche grande impulso alla nuova musica per clarinetto, commissionando nuovi concerti a Ivan Fedele, Salvatore Sciarrino, Luis De Pablo e Claude Bolling.
Appassionato cultore della musica da camera è da sempre membro del Quintetto Bibiena e collabora regolarmente con eminenti artisti ed amici come Mario Brunello, Marco Rizzi, Pinkas Zukerman, Alexander Lonquich, Emmanuel Pahud, Andrea Lucchesini, Wolfram Christ, Il Trio di Parma, Enrico Dindo, Massimo Quarta, Luis Sclavis, Paquito D’Riveira e molti altri.
Da sempre attratto non solo dalla musica “ classica” , si escibisce anche in programmi jazz e Klezmer. Importanti le collaborazioni con con Paquito D’Riveira, Enrico Pieranunzi e Stefano Bollani.
«Guest Professor» in alcuni tra i piu’ importanti Conservatori di tutto il mondo (tra cui Royal College di Londra, Juillard School di New York, Conservatorio Superiore di Parigi, School of Arts di Tokyo) ha fatto parte delle giurie di tutti i piu’ importanti concorsi internazionali per il suo strumento (Ginevra, Monaco di Baviera, Praga, Pechino, il « K.Nielsen » in Danimarca ed il « B. Crusell » in Finlandia) .
Su personale invito di Claudio Abbado, Alessandro Carbonare ha accettato il ruolo di primo clarinetto nell’Orchestra del Festival di Lucerna e nell’Orchestra Mozart con la quale, sempre sotto la direzione del M° Abbado, registrato per Deutsche Grammophon il concerto K622 al clarinetto di bassetto, lavoro che ha vinto il 49° Record Academy Awards 2013.
Il suo impegno sociale lo vede presente a sostenere progetti che possano contribuire al miglioramento della società attraverso l’educazione musicale , ha infatti assistito Claudio Abbado nel progetto sociale dell’Orchestra Simon Bolivar e delle orchestre infantili del Venezuela.
Grande successo ha ottenuto il cd per Decca “the Art of the Clarinet”, mentre il canale satellitare SKY-CLASSICA gli ha dedicato un ritratto per la serie «I Notevoli».
E’ professore di clarinetto all’Accademia Chigiana di Siena.

Fabiola Tedesco
È considerata una delle più interessanti musiciste italiane della sua generazione. Dopo gli studi a Torino con Sergio Lamberto e a Feldkirch (AT) con Ruden Turku, attualmente si perfeziona presso l’Hochschule für Musik di Dresda sotto la guida di Natalia Prischepenko.
È stata insignita di svariati premi, tra cui il premio “Maura Giorgetti” della Filarmonica della Scala, il premio “Stefano Tempia”, il premio “Daniele Gay”. Svolge un’intensa attività concertistica in Europa e in Sudamerica, esibendosi regolarmente in veste di solista con orchestre quali l’Orchestra del Teatro Carlo Felice di Genova, la Sinfonieorchester Liechtenstein, l’Orchestra Filarmonica di Kiev, la Osuat (Messico), OJJFC (Venezuela), ospite, tra gli altri, di festival come “Ravello Festival”, “MITO”, “Polincontri”, “Da Firenze all’Europa”, Palazzo Pitti (Firenze), “Mozartfest Würzburg”, “Talente im Funkhaus” della ORF, VP Bank Festival di Bad Ragaz (CH), Festival Europeo de Solistas di Caracas.
Oltre alle performance solistiche, Fabiola si dedica con passione alla musica da camera in svariate formazioni, affiancata dai più talentuosi giovani colleghi europei, nonché illustri musicisti quali Giovanni Sollima, Francesca Dego, Gloria Campaner, Martin Owen, Mathias Johansen.
È borsista dell’Associazione De Sono, della Fondazione CRT, della Musikakademie Liechtenstein.
Suona un violino costruito da G. Cappa, per gentile concessione di “Adopt a Musician”.

Ludovica Rana
Ha 25 anni, si è già imposta in prestigiosi Concorsi quali la 30a Rassegna Nazionale d’Archi “Mario Benvenuti” di Vittorio Veneto nel 2010, il Premio “The Note Zagreb” al IX Concorso Internazionale “Antonio Janigro” in Croazia nel 2012; il Primo Premio all’ International Music Competition ‘Vienna’ Grand Prize Virtuoso e il “Young Virtuoso Award” al 1th Manhattan International Music Competition di New York. Menzione speciale al Premio delle Arti del MIUR (Ministero dell’Università e Ricerca) anche 1° premio della Sezione Speciale del “Premio Francesco Geminiani”. Nel Giugno 2018 vince in Concorso “Crescendo” di Palermo grazie al quale si è esibita da solista con l’Orchestra Sinfonica Siciliana nella stagione 2018/2019. Si è diplomata con il massimo dei voti e la lode presso l’Istituto Musicale “Giovanni Paisiello” e successivamente ha conseguito il Master in Music Performance presso Conservatorio della Svizzera Italiana di Lugano sotto la guida del M° Dindo. Si è diplomata con il massimo dei voti presso l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia nel Corso di Perfezionamento di Musica da Camera e attualmente frequenta il Corso in Violoncello con il M° G. Sollima. E’ stata beneficiaria della borsa di studio Eskas elargita dalla confederazione Svizzera. Si è esibita in tourné nella formazione di duo e da camera negli Stati Uniti, in Sud America, Cina oltre che in numerose stagioni come la Società dei Concerti a Milano, Festival Classiche Forme, Amiata Piano Festival, Musica Insieme Bologna, Mediterraneo Radio Festival.
È Direttore Artistico della Stagione musicale Sfere Sonore e dal 2017, della stagione “Croma” presso il Teatro Koreja e Segretario Artistico del Festival Classiche Forme.
È docente di Musica da Camera presso il Conservatorio “Tchaikovsky” a Nocera Terinese.
Dal 2018 è sostenuta dall’Associazione culturale Musica con le Ali.
Suona un violoncello C. A. Miremont del 1870.