Teatro accessibile alle persone con disabilità sensoriali

Menu

 

Le gattare juventine

Stagione
2017/2018
Genere
Show-Off
Teatro
Laudamo

Le gattare juventine

con Gabriella Cacia e Claudia Zappia

luci e fonica Adriana Bonaccorso, Giovanna Verdelli

aiuto regia Elvira Ghirlanda

regia Paride Acacia

produzione Efremrock

Durata: 1 ora e 10 minuti

 

Ritornano “Le Gattare Juventine” alla Sala Laudamo nell’ambito della rassegna Laudamo Show-Off del Teatro Vittorio Emanuele per questo viaggio rock firmato dalla regia di Paride Acacia e prodotto dalla Compagnia Efrem Rock.
La pièce di Paride Acacia avrà una rinnovata “formazione”: infatti, accanto all’attrice Gabriella Cacia, salirà sul palco della Sala Laudamo la new entry Claudia Zappia.
La storia racconta le vicende di due sorelle e del loro amore per la Juventus, i gatti e Bruce Springsteen: ovvero l’eredità lasciata loro dal padre prima di partire per il suo ultimo viaggio verso la finale di Coppa dei Campioni Juventus – Liverpool, nella tragica notte dello stadio Heysel.
Ambientata in una piccola porzione di strada, dove le due protagoniste restano sospese, in attesa dei gatti, del padre e di un definitivo riscatto dalla solitudine, “Le Gattare juventine” è, soprattutto, la storia dell’elaborazione di un’assenza troppo ingombrante.
A raccontare il rapporto conflittuale delle due donne, sulle quali aleggia perenne l’imago paterna, le musiche di Bruce Springsteen: un viaggio rock’n roll attraverso le note e le parole del Boss, da “Born in the Usa” a “The River”, lungo il quale una storia personale si intreccia con le imprese calcistiche della Juventus e la tragedia sportiva dello stadio belga Heysel, dove nel 1985, decine di tifosi italiani persero la vita a seguito di violenti scontri.

Gabriella Cacia spiega: “In Le Gattare juventine c’è tanto a livello emotivo. Per me è importante avere in scena un rapporto con una sorella, cosa che nella mia vita reale non ho. E’ uno spettacolo che mi coinvolge profondamente anche per il messaggio che Paride Acacia vuole dare e lui, negli spettacoli che dirige è sempre molto attento a questo aspetto. Qui fa da sfondo l’amore per Springsteen, la tragedia dell’Heysel, che è ricordata come un momento molto forte nella memoria di tanti e il messaggio di questo spettacolo è quanto sei disposto ad aprire gli occhi, ad ascoltare, ad accettare a non volerti chiudere in quello che tu credi”.
E sul rapporto che si è instaurato con la nuova arrivata, Gabriella afferma: “Conosco molto bene questo spettacolo, ho fatto tante repliche, ma questa volta ho una nuova sorella e non avrei potuto sperare di meglio. Claudia ha fatto un lavoro eccezionale, anche perché ha avuto pochissimo tempo a disposizione. Avere lei in scena mi ha dato la possibilità di muovere il mio personaggio in modo diverso rispetto al passato, dandomi l’occasione di vedere e provare cose nuove”. 

Per Claudia Zappia, questo spettacolo rappresenta “una bellissima sfida. E’ la prima volta che tocco delle corde diverse perché vengo da un’altra tipologia di teatro. Un altro elemento di novità è il fatto che vado in scena con una sola persona al mio fianco, visto che sono abituata alla coralità. E’ un testo molto interessante che dice tante cose, bisogna andare oltre e andare a fondo in questo rapporto familiare fra queste due sorelle. Con questo spettacolo, infine, ho avuto l’opportunità di conoscere meglio la tragedia dell’Heysel”. 

 

Programmazione

Dal 28 aprile 2018
al 29 aprile 2018
 

28 aprile 2018, ore 21.00

29 aprile 2018, ore 17.30

 

Biglietti

Acquistabile solo al Botteghino.